3484 visitatori in 24 ore
 250 visitatori online adesso


destionegiorno
Stampa il tuo libro



My life

Peppe Cassese

Seduto sopra il tempo e la sua cima
io srotolo la trama inadempita
per raccontare brevemente in rima
dal fondo a tale vetta la salita.

Io ero e sono ancora sbarazzino
fremente con le favole del cuore
lustrando uno stentato scribacchino
col calcio mai mollato dell’ardore.

Studente ... (continua)


La sua poesia preferita:
Futuribile
Ti coprirò col manto del poeta
di chi ha solcato un vasto antico mare
senza una vela trepidante altare
con croci in...  leggi...

Nell'albo d'oro:
Quanno na mamma parte (Quando una mamma non c’è più)
Quanno na mamma parte e cchiù nun torna
pe’ dint’a ll’aria vola na madonna
ca nun te scorda e nun te lassa maje
e...  leggi...

E Napule (te chiamma)
E Napule s’appiccia tutt’e notte
vedenno ca stu munno se ne fotte
e quanno ‘o sole stuta ‘a lampadina
t’adduone ca sul’essa fa matina.

E Napule se guarda dint’o specchio
e appura ca stu core tuoio è squaquecchio
e canta tutt’o fele ‘e certa...  leggi...

Simmo tutte figlie ‘e Napule (Siamo tutti figli di Napoli)
Simmo cielo senza stelle
simmo aucielle senza scelle...

Simmo mare avvelenato
ca pavammo assaje salato...

Simmo nave...  leggi...

Ma comme faccio a dì?
Ma comme po’ sparì sta voce toia
si l’urdema canzone cerca ancora
‘a voglia ‘e fa scetà chesta città
ca aspetta sempe...  leggi...

Il cerchio della vita (o De amicitia)
Annulla le distanze
e spegne con la luce le mancanze
messaggio forte e inciso
griffato sulla pelle da un sorriso.

Infonde slancio e ardore
con tutta la baldanza del suo cuore
catarsi indefinita
congiunta al gioco immenso della vita.

Non guarda...  leggi...

Poesiucola
E’ il mio demonio eretico
è l’angelo impudente
che tramano per perdersi
in questo dolce niente
dove che il sole recita
le stelle fanno a gara
a navigare al netto
col lordo della tara.

E’ il primo e forse l’ultimo
è l’attimo...  leggi...

Ie campo pe magnà (Io vivo per mangiare)
Ie campo pe’ magnà
e me cumanna ‘a panza...
Parlanno cu crianza
ie l’aggia ‘mbuttunà.
Guardate comme è bella!
Sentite comme è chiena!
Manco zi’ Bacco ‘a tene:
chesta è sua maestà...

Cca dinto ce sta ‘o sfunno
‘o mmeglio ‘e tutta ‘a vita
ca è...  leggi...

Sì chella (Sei quella)
Sì chella c’ha creduto e ha combattuto
Sì chella c’ha sbattuto e c’ha vinciuto
Sì chella ca sapenno parpetià
ha dato a chesta storia ‘a verità.

Si chella c’ha ‘mparato a semmenà
Sì chella ca s’è miso a faticà
int’o ciardino ‘e chesta terra...  leggi...

’E sorde (I soldi)
" ‘E sorde songo ‘a meglia cumpagnia...
songo ‘o chiavino c’arape tutte ‘e porte! "
scramaje ‘o cchiù riccone ‘nnante ‘a...  leggi...

E mo’ ca ‘o tiempo
E mo’ ca ‘o tiempo se fa malamente
fujenno ‘a dint’e mane strafuttente
vulesse ‘ntrappulià sta scurnacchiata
ca resta sempe ‘a primma ‘nnammurata.

Essa è ‘mpicciosa ausata e scanuscente
ma ‘a sento ancora fresca e resbrennente
e pure si sta pazza...  leggi...

E chiove (E piove)
E chiove sotto ‘o cielo
e chiove e scenne ‘o ggelo.
e chiove ‘ncopp’a via
e chesta è ‘a strata mia.

E chiove pe...  leggi...

Sei (Sì)
Sei la mela e la condanna
sei un gelato con la panna
sei il cancello ancora chiuso
la mia vela pronta all’uso.

Sì na...  leggi...

’O tiempo passa e va (Il tempo passa e non torna)
‘O tiempo passa e va
‘ncopp’a sta terra ‘nfame
assieme a chesta vita
ca comme a margarita
se sfronna a poco a...  leggi...

E’ Natale tutt’e juorne
E’ Natale tutte ‘e juorne
quanno friddo, famme e scuro
nun te mettono paura...
quanno siente ca sta panza
nun te porta...  leggi...

Mio vecchio carillon
E suoni ancora
vecchio carillon
un po’ stonato e in parte trascinato
la musica che il sonno accompagnava
nei giorni che...  leggi...

Vita mia
Seduto sopra il tempo e la sua cima
io srotolo la trama inadempita
per raccontare brevemente in rima
dal fondo a tale...  leggi...

Fesso
E stu core mio ca è fesso
comme afferra int’o pruciesso
ca prop’isso è l’imputato
‘a ll’ammore è cundannato.

E pe’ sta...  leggi...

Me schiaffe Napule (Mi metti Napoli nelle canzoni)
Me schiaffe Napule int ‘e canzone
int’a stu spasso ca è tiempo latrone!
Cante e nun siente ‘e lamiente d’a gente
ca sconta...  leggi...

Peppe Cassese

Peppe Cassese
 Le sue poesie

La sua poesia preferita:
 
Futuribile (07/09/2019)

La prima poesia pubblicata:
 
Me schiaffe Napule (Mi metti Napoli nelle canzoni) (14/07/2013)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Quando (24/02/2020)

Peppe Cassese vi consiglia:
 Vita mia (24/08/2013)
 E chiove (E piove) (04/06/2014)
 Mio vecchio carillon (01/12/2013)
 Fesso (01/08/2013)
 Si fusse (lingua napoletana) Donne (03/07/2014)

La poesia più letta:
 
Il più dotato (24/08/2013, 13841 letture)

Peppe Cassese ha 18 poesie nell'Albo d'oro.

Leggi la biografia di Peppe Cassese!

Leggi i segnalibri pubblici di Peppe Cassese

Leggi i 23 commenti di Peppe Cassese


Leggi i racconti di Peppe Cassese

Le raccolte di poesie di Peppe Cassese


Autore del giorno
 il giorno 05/02/2020
 il giorno 05/02/2020
 il giorno 24/08/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019

Autore della settimana
 settimana dal 08/06/2019 al 14/06/2019.
 settimana dal 09/03/2019 al 15/03/2019.
 settimana dal 11/06/2018 al 17/06/2018.
 settimana dal 12/06/2017 al 18/06/2017.
 settimana dal 04/07/2016 al 10/07/2016.
 settimana dal 29/06/2015 al 05/07/2015.

Seguici su:



Cerca la poesia:



Peppe Cassese in rete:
Invia un messaggio privato a Peppe Cassese.


Peppe Cassese pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

Aquilonefelice.it AquiloneFelice.it

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

L'ebook del giorno

Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno

Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno è il titolo della raccolta di tre popolarissimi racconti, i primi due scritti da Giulio (leggi...)
€ 0,99


Peppe Cassese

Cielo d'Abruzzo- 2009 (lingua napoletana)

Dialettali
‘A terra tremma e sbatte ‘nfaccia ‘o cielo...
‘O cielo nun’a sente e stenne ‘o velo
e ‘a mano ca strigneva na passione
se sceta annura e senza na ragione.

‘O suonno int’a nu lampo s’è stracciato
sperdenno tutto quanto ‘o semmenato
e nu silenzio ca te porta ‘a guerra
me piglia me strascina e l’uocchie ‘nzerra...

‘O core corre e chiamma miez’a via
e mille vocche songo ‘a vocca mia
ma dint’a chesta notte chiena ‘e stelle
‘a morte vene a regnere ‘a scarzella
e ciento storie e ciento e ancora ciento
me contano d’a vita ‘o tradimiento.

Sta terra santa
sta terra benedetta
sta terra ca se spacca nun’aspetta
e l’ommo ca ‘a putesse abbalurà
se ‘ntrocchia sulamente p’a sciarmà
e ‘a casa nasce allora ‘ncopp’a rena
(basta ca ‘a sacca po’ se trova chiena)
e ‘o juorno reje appena nu minuto
e nun ce sta nu cristo ca dà aiuto
e ‘a carne fa a cazzotte c’o cemento
‘ntunanno ‘e chesta sciorta ‘o fallimento...

Cielo pugnente
cielo pretenziuso
perdoname si st’uocchie songo ‘nfuse
perdoname si ‘e sante nun’e saccio
e ‘o sole ‘a dint’o pietto afora caccio.

Cielo d’Abruzzo
cielo stralucente
aiutame a prià pe chesta gente.
Aiutale a truvà chella speranza
ca nun’abbasta pure sì è abbastanza.

Ajere me sentevo ‘e piglià ‘o terno
ment’ogge resta sulo nu quaterno
addò ce scrivo case smantellate
addò me segno ‘e nomme ‘e chi ha pavato...
Ajere me sentevo ‘mparaviso
ment’ogge me rummane nu straviso
e pe’ sti facce fredde e turmentate
quann’è ca ‘a notte torna vasulata?

Cielo ‘e sti terre
cielo ‘e sti muntagne
aiutace a fermà stu magna- magna.
Aiutace a scavà chillu curaggio
ca è muorto mbraccia a nuie aprile e maggio...
Cielo ‘e sti chiese
cielo ‘e chesti croce
perdonace si ‘a vocca nun’è doce
perdonace si tu ce faie paura
e ‘ncuorpo volle ancora ‘a nervatura...

Ajere nun se po’ maje cancellà
ment’ogge fosse l’ora ‘e se scetà
luttanno ogne mumento p’o dimane
cu tutt’a forza e ‘o fuoco ‘e chesti mane...
Ajere nun se po’ maje cchiù scurdà
ment’ogge s’accumencia a fravecà
speranno doppo ‘o suonno ca sta vita
se sceta finalmente sapurita.

Traduzione

La terra trema e arriva fino al cielo...
Il Cielo non la sente e stende un velo
e la mano che stringeva un amore
si sveglia spoglia e senza un motivo.

Il sonno in un lampo si è strappato
sperdendo tutto il seminato
e un silenzio conseguente a una guerra
mi prende mi far star male e mi chiude gli occhi.

Il cuore corre e chiama in mezzo alla strada
e mille voci sono la mia voce
ma in questa notte piena di stelle
la morte viene a riempire la sua borsa
e cento storie e cento e ancora cento
mi raccontano il tradimento della vita.

Questa terra santa
questa terra benedetta
questa terra che si spacca non aspetta
e l’uomo che la potrebbe valorizzare
si mette con altri solo per distruggerla
e la casa viene costruita allora sulla sabbia
(l’importante è che la tasca si ritrovi piena)
e il giorno regge appena un minuto
e non c’è nessuno che lo aiuti
e la carne fa a pugni col cemento
intonando il fallimento del destino...

Cielo che dai dolore
Cielo che pretendi troppo
perdonami se ora piango
perdonami se i santi non li conosco
e caccio dal petto il sole.

Cielo d’Abruzzo
cielo più splendente
aiutami a pregare per questa gente.
Aiutala a trovare quella speranza
che non basta anche se è abbastanza.

Ieri mi sembrava di aver vinto un terno
mentre oggi mi resta solo un quaderno
su cui scrivo le case distrutte
su cui mi segno il nome di chi non c’è più...
Ieri mi sentivo in paradiso
mentre oggi mi rimane una ferita
e per queste facce fredde e tormentate
quand’è che la notte torna senza problemi?

Cielo di queste terre
cielo di queste montagne
aiutaci a bloccare questo magna- magna.
Aiutaci a ritrovare quel coraggio
che è morto sulle nostre braccia tra aprile e maggio...
Cielo di queste chiese
cielo di questi dolori
perdonaci se la bocca non è dolce
perdonaci se tu ci metti ancora paura
e dentro di noi cresce la rabbia.

Ieri non si può cancellare
mentre oggi sarebbe l’ora di svegliarsi
lottando ogni istante per il domani
con tutta la forza e il calore delle nostre mani...
Ieri non lo possiamo mai più dimenticare
mentre oggi si ricomincia a costruire
sperando dopo il brutto sogno che questa vita
si svegli finalmente degna di essere vissuta.
Club Scrivere Peppe Cassese 09/04/2014 09:55| 1| 2150

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
Se vuoi pubblicare questa poesia in un sito, in un blog, in un libro o la vuoi comunque utilizzare per qualunque motivo, compila la richiesta di autorizzazione all'uso.

Nota dell'autore:
«Dedicata alle vittime del terremoto 2009 dell'Abruzzo e a tutte quelle causate dall'umana incuria»


 
I commenti dei lettori alla poesia:
Non ci sono messaggi nella bacheca pubblica dei lettori.
Scrivi il tuo commento su questa poesia
Sei un lettore? Hai un commento, una sensazione, un'espressione da condividere con l'autore e gli altri lettori? Allora scrivilo e condividilo con tutti!

Commenti sulla poesia Commenti di altri autori:

«La natura fa il suo corso... ma è sempre l'uomo che sa ingigantire nel modo peggiore ogni sua fase... e così riesce a distruggere se stesso ...pensando solo al proprio tornaconto... Molto incisivo il verseggiato dialettale... rende più vicino il pensiero per la gente che respira quel "Cielo d'Abruzzo"...
Molto apprezzata...»
Club ScrivereAntonio Biancolillo (09/04/2014) Modifica questo commento

La bacheca della poesia:
Non ci sono messaggi in bacheca.

Scrivi le tue sensazioni su questa poesia
Hai una sensazione, un messaggio, un'espressione da condividere con l'autore e gli altri lettori?
Allora scrivilo e condividilo con tutti!

Amazon Prime

Link breve Condividi:


Pubblicate i vostri lavori in un libro

Volete pubblicare un vostro libro, un libro vero? Su carta, con numero ISBN? Con la possibilità di ordinarne copie a prezzo ridotto per voi ed i vostri amici?
Facciamo un esempio: se avete un manoscritto su file doc, docx, odt o pdf già pronto secondo i formati e le impostazioni standard (vedi specifiche) ed un bozzetto di una copertina con immagine a 300dpi allora vi possiamo già fare un esempio del costo con il nostro servizio editoriale base:
Libro di 120 pagine in formato "6x9" (15,24x22,86 cm) in bianco e nero e copertina flessibile opaca a colori pubblicato con il nostro servizio base: 50 copie a 149 euro, 100 copie a 266 euro, 200 copie a 499 euro, comprensive di stampa, iva e spedizione.
Per informazioni cliccate qui.
Attenzione: non tutte le opere inviate verranno accettate per la pubblicazione, viene effettuata una selezione



Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2020 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it